Branding
L’Operatore può utilizzare il Brand IO consistente negli asset seguenti:
  • vale a dire il marchio individuale che contraddistingue l’App IO e la piattaforma di cui all’art. 64-bis del CAD;
  • il materiale grafico ufficiale rilasciato da PagoPA S.p.A..
L’Operatore può altresì utilizzare il Brand CGN consistente negli asset seguenti:
  • vale a dire il marchio che contraddistingue la CGN nel suo complesso, vale a dire l’iniziativa e la carta virtuale.
L’uso del Brand IO e del Brand CGN (di seguito congiuntamente “Brand dell’Iniziativa”) comporta una licenza limitata, non esclusiva, revocabile, non trasferibile, a favore dell’Operatore.
Usi ammessi: All’Operatore è consentito utilizzare i Brand dell’Iniziativa esclusivamente al fine di informare il pubblico di essere convenzionato con la CGN, di poterla richiedere tramite l’App IO e di applicare le agevolazioni di cui all’Allegato 1 e successive modificazioni della convenzione.
Usi non consentiti: Senza pregiudizio di quanto stabilito nella Convenzione, non è consentito utilizzare i Brand dell’Iniziativa:
  • su prodotti di merchandising promozionale oggetto di vendita o distribuzione;
  • per claim diversi da quelli autorizzati ai sensi del punto precedente (Usi ammessi);
  • in combinazione con segni distintivi di terzi;
  • in modo più prominente rispetto al nome e/o al logo dei propri prodotti o servizi;
  • in modo tale da implicare un rapporto di sponsorizzazione, endorsement o approvazione dei propri prodotti e servizi, o dei prodotti o servizi di terzi;
  • in combinazione con segni distintivi di terzi, e/o per contraddistinguere attività commerciali, prodotti, servizi o contenuti di terzi;
  • incorporandoli in nomi o denominazioni di aziende, prodotti, servizi, applicazioni mobili, programmi, nomi a dominio, pagine web, account di social media;
  • incorporandoli in sfondi, background, pattern, banner badge, grafiche; in modo alterato, animato o distorto, o in combinazione con altri loghi, simboli, parole, immagini o disegni;
  • come parole chiave, per contenuti sponsorizzati, per attività di keyword advertising;
  • in tagline, slogan, payoff, motti;
  • nell’ambito di fiere, eventi privati e aperti al pubblico a cui non partecipano le rispettive licenzianti dei rispettivi Brand dell’Iniziativa, in particolare in pubblicazioni (es. brochures, volantini, ecc.), gadget, backdrop, bandiere, totem, booth e insegne;
  • in modo tale da recare pregiudizio alla distintività dei Brand dell’iniziativa, in particolare utilizzando questi ultimi come nomi generici dei prodotti e servizi offerti dalle rispettive licenzianti ovvero per indicare la categoria merceologica cui appartengono prodotti e servizi di terzi;
  • in abbinamento, in associazione e/o per contraddistinguere o per identificare (direttamente e/o indirettamente) prodotti, servizi e/o contenuti contrari a norme imperative, all’ordine pubblico o al buon costume;
  • in violazione di diritti di terzi;
  • in modo offensivo, diffamatorio, discriminatorio, o comunque lesivo dell’immagine o della reputazione di PagoPA S.p.A., del Dipartimento o di terzi;
  • in modo da ingenerare nel pubblico un’associazione confusoria o decettiva tra i prodotti e servizi propri e/o di terzi (compresi i soggetti autorizzati ai sensi delle regole tecniche e della Convenzione) e i prodotti e servizi delle rispettive licenzianti;
  • in modo tale da implicare un rapporto di affiliazione incoerente con la Convenzione.
Copy link